Se avete letto il nostro articolo di settimana scorsa, dovreste essere quantomeno incuriositi (se non persuasi) a provare a mettere in pratica l’influencer marketing. Vi abbiamo spiegato perché è così efficace e oggi vi daremo qualche dritta per iniziare.

1. Abbiate chiaro cosa volete ottenere

Prima di iniziare mettete nero su bianco gli obiettivi che volete raggiungere: far crescere il vostro pubblico sui social? Aumentare le vendite? Lanciare un nuovo prodotto sul mercato? Avere le idee chiare vi aiuterà a tenere traccia dei progressi e capire se vi state muovendo nella giusta direzione. Provate a ragionare secondo queste tre categorie:

  • Business value: ovvero quali benefici otterrete grazie alla vostra campagna di micro-influencer marketing. Include metriche come vendite, utilizzo di sconti e promozioni dedicate, ecc.
  • Marketing value: quali obiettivi in ottica di marketing strategico potrete raggiungere. Include metriche come download di app, di coupon, CTR (click through rate), ecc.
  • Content value: come i vostri social cresceranno grazie a questa strategia. Considerate metriche come like, commenti, condivisioni, ecc.)

2. Decidete come agirà il vostro influencer

Ci sono molti modi per implementare il micro-influencer marketing nella vostra strategia, ragion per cui è meglio decidere fin da subito come muoversi e cosa chiedere all’influencer con cui collaborerete:

  • Menzionarvi sui social: l’influencer crea un post in cui mostra i vostri prodotti.
  • Sconti e promozioni: l’influencer ha a disposizione un codice promozionale creato ad hoc da condividere coi suoi follower.
  • Contenuti collaborativi: co-create contenuti in cui il micro influencer spiega come usare i vostri prodotti.
  • Giveaway e concorsi: fate organizzare all’influencer dei contest/concorsi per vincere i vostri prodotti.
Le 4 fasi fondamentali per una strategia di influencer marketing di successo

3. Create il contatto

Una volta scelto l’influencer migliore per il vostro pubblico, entrate in contatto. Ma prima di scrivergli via mail o direct message sui social, costruite un rapporto interagendo con lui/lei. Apprezzate i loro contenuti tramite i like, commentate i loro post, seguite i loro profili. A questo punto potete fare la vostra proposta: personalizzatela, fate riferimento ai loro interessi e a quello che avete in comune. Offrite gratuitamente i vostri prodotti o un pagamento in denaro in cambio del loro lavoro sui social.

4. Misurate il successo in tempo reale

Una volta che l’influencer avrà pubblicato il post e la campagna sarà online, non dimenticatevi di tenere d’occhio il livello di engagement, il numero di conversioni e il CTR. Se avete scelto più di un influencer per la vostra campagna, comparate i risultati di ogni metrica e cercate di capire chi ha avuto più successo. Al termine della campagna, infine, analizzate i risultati per capire cosa ha funzionato e cosa no, ma soprattutto cosa e dove migliorare in futuro. Google Analytics è un ottimo strumento in questo senso.

A questo punto dovreste aver chiaro perché il micro influencer marketing è un ottimo strumento per PMI e start up, e di come vi può aiutare a creare relazioni significative col vostro pubblico, facendo al contempo crescere l’interesse per i vostri prodotti.


Articolo tratto da https://medium.com/@bickov/micro-influencer-marketing-12b9283626a0


Seguici anche su Behance, Instagram e Facebook 🤟